BVR Banca, il matrimonio aumenta le masse gestite

Primo bilancio dell'alleanza berico-veronese: assemblea il 20

Novità |  Imprese |  Soci |  Territorio | 

«Un bilancio "solido" frutto di scelte strategiche e di una accurata pianificazione futura». Così il Cda di Bvr Banca - Banche Venete Riunite (Schio, Pedemonte, Roana e Vestenanova) presenta i conti della Bcc in vista dell'assemblea soci che si svolgerà il 20 maggio anche quest'anno "in assetto Covid" e quindi tramite il rappresentante designato. È il primo bilancio della nuova realtà bancaria che fa parte del gruppo nazionale della trentina Cassa centrale: è nata come noto 10 mesi fa dall'unione tra Banca Alto Vicentino e Cassa rurale ed artigiana di Vestenanova, ha sede a Schio e schiera 37 filiali tra le province di Vicenza e Verona, 177 dipendenti e 5.300 soci. «Nonostante la pandemia e il quadro economico complesso a livello mondiale - sottolinea una nota - Bvr banca può definirsi una realtà sempre più solida patrimonialmente con indicatori in tale ambito tra i più elevati delle 70 Bcc» che fanno parte del gruppo. «Il 2021 - spiega il presidente Maurizio Salomoni Rigon - è stato un anno di forte cambiamento avviato dal processo di fusione che ci ha visti coinvolti e che, a distanza di pochi mesi, ha confermato le nostre aspettative: siamo una banca solida e strutturata, ben patrimonializzata, in utile, caratterizzata da una grande squadra che mette a disposizione le proprie risorse per il territorio»

 

Leggi l'articolo completo che ha dedicato all'iniziativa Il Giornale di Vicenza. Clicca qui.